Tutto l’amore di cui siamo capaci

di Michele Santeramo

con Lorenzo Gioielli e Greta Bendinelli

Scene e Costumi Carlo De Marino

Regia Lorenzo Gioielli


Produzione Fondazione Teatro della Toscana


Venerdì 23 luglio 2021 ore 21.30

Anfiteatro Fonte Mazzola


Ingresso gratuito fino a esaurimento posti


Note di regia

Tutto l’amore di cui siamo capaci. Attraversare il nostro e l’altrui dolore con tutto l’amore di cui siamo capaci. Non tutto l’amore che si deve provare, ma tutto l’amore che è possibile provare, che ci è possibile. L’amore di cui neppure noi siamo consapevoli. Crediamo di averne a disposizione una quantità e una qualità inferiori a quelle che servirebbero o superiori a quelle che le persone oggetto del nostro amore meritano. Non ci interroghiamo, lealmente, sull’amore di cui siamo capaci, senza considerare se è molto o poco, se è troppo o insufficiente.

Siamo talmente feriti, addolorati, straziati da quello che abbiamo fatto e subito, non necessariamente in quest’ordine, che non comprendiamo mai quello di cui siamo capaci. Solo capaci.

Marco e Anna sono assassini e vittime. Mi sono riconosciuto in loro e li ho odiati, li ho chiamati ad alzare la testa, ad accorgersi di quello che stavano sbagliando, ho chiesto loro di trovare le parole giuste per parlare all’altra, all’altro, li ho implorati di ascoltarsi, di evitare gli errori, che erano i miei, i nostri, che seduto a leggere sono tanto facilmente evitabili, ma non in piedi, l’uno davanti all’altra, non abbracciati, non per mano, non occhi negli occhi, non quando si è vivi e si ha paura e desiderio e si vuol essere felici, o si vuol solo avere un tempo di pace, un tempo in cui il dolore non scompare ma è in fondo al mondo e la solitudine, con quell’uomo, con quella donna, è solo una parola a cui penseremo. Dopo.

La somma dei frammenti delle loro esistenze forma un’interezza più grande, più vasta, che solleva domande, non da risposte.

Marco è un uomo con tanti, troppi errori alle spalle. Continua a sbagliare. Anche con Anna, che di errore ne ha commesso uno solo, ma gravissimo. Vogliono solo sperare, infinito presente.


Lorenzo Gioielli


Inviaci un messaggio

Grazie per aver spedito il tuo messaggio! Ti contatteremo a breve.

Errore durante l'invio. Prova di nuovo.

Riempi prima tutti i campi obbligatori della form.

Contatti

  • Piazza del Popolo 10 - Peccioli
  • 0587 672158
  • info@fondarte.peccioli.net